Esistono varietà di olivo che non vengono attaccate dalla rogna?

Domanda: Esiste una varietà di olivo che non viene attaccata dalla rogna. Se esiste qual’è?

Risposta: 

Non esistono, a nostra conoscenza, varietà di olivo che non vengono attaccate dalla rogna, anche se si riscontra un diverso grado di sensibilità; ad esempio la varietà Leccino risulta essere tra le più resistenti, al contrario, la varietà Frantoio è molto sensibile.
Si può inoltre dire che alcune varietà di olivo – una di queste è la Coratina – reagiscono all’infezione batterica con la formazione di tubercoli di dimensioni più piccole, ma se la pressione del patogeno è elevata anche queste varietà si ricoprono di tubercoli.

Riccardo Gucci e Giuseppe Surico

Quale trattamento fogliare per l’occhio di pavone?

Domanda: Salve, vorrei avere delle informazioni circa il trattamento fogliare oliveto contro “occhio di pavone”

Risposta: 

L’occhio di pavone è una malattia crittogamica (fungina) dell’olivo. Lo sviluppo di questa malattia è strettamente legato all’andamento meteorologico. Ha un periodo di incubazione lungo della durata di diversi mesi, i sintomi del contagio appaiono sulle foglie; sulla pagina superiore si manifestano macchie circolari di colore bruno, giallastro o verdastro, di diametro che può andare da due millimetri ad un centimetro. Con il passare del tempo le macchie virano ad un colore nerastro a seguito della comparsa delle spore. Per lo sviluppo del fungo sono necessarie condizioni ambientali in grado di favorire la germinazione delle zoospore, in particolare sono necessari elevate percentuali di umidità relativa e temperature comprese tra 10 e 20 °C (l’optimum è compreso tra 12 e 15 °C). Queste condizioni di solito si verificano in primavera ed in autunno.

La durata dell’incubazione della malattia, periodo compreso tra l’infezione determinata dal contatto delle zoospore con i tessuti vegetali e la comparsa delle macchie, può variare dai 3 ai 5 mesi. Se dovessero comparire delle macchie nel mese di luglio vuol dire che la contaminazione è avvenuta nel mese di aprile. Il danno più grave è quello a carico delle foglie. La prematura caduta di foglie può avvenire anche prima della completa manifestazione della sintomatologia tipica ad “occhio di pavone”. Fattori che influiscono sulla defogliazione sono: l’età della foglia (cadono prima le foglie più vecchie), l’intensità dell’infezione, la localizzazione delle lesioni, agenti meteorologici violenti (vento, pioggia) e la stagione (la maggior perdita di foglie avviene generalmente nella stagione primaverile). Una eccessiva perdita di foglie può compromettere non solo il raccolto dell’anno ma, la vita stessa della pianta. Trattamenti preventivi sono consigliati con prodotti a base di rame. Questi devono essere effettuati prima della germinazione delle zoospore, che generalmente avviene in primavera e in autunno.

I prodotti da utilizzare sono a base di rame, impiegati da tempo con buon successo. Tra i rameici, gli ossicloruri, sono da preferirsi alla poltiglia bordolese per la possibilità di eseguire trattamenti in miscela con altri insetticidi. In condizioni normali, sono consigliabili due interventi: il primo verso la fine dell’inverno o inizio primavera; il secondo all’inizio della stagione autunnale, soprattutto se si presenta molto umida. Nel caso che annate con scarse piogge e clima secco può essere sufficiente un solo intervento anticrittogamico. Riguardo all’attività dei fungicidi rameici, è interessante ricordare come, nel caso dell'”occhio di pavone”, essi svolgano una duplice funzione di protezione delle foglie non ancora infette ed un’azione defogliante a carico della vegetazione compromessa. Nell’agricoltura biologica, oltre ai prodotti rameici, può essere utilizzato nella prevenzione dall’occhio di pavone anche il caolino. Quest’ultimo, a livello commerciale, viene venduto sotto forma di polvere, che può avere diversi gradi di consistenza e purezza, con detta polvere viene ricoperta la pianta, formando così una barriera protettiva.

 

Riccardo Russu

Quale sono le varietà meno attaccate dalla Mosca olearia?

Domanda: Salve, potreste indicarmi le varietà meno attaccate dalla Mosca? Io ho fatto caso che le olive da innesti in pianta (viola scuro e opache) non sono state attaccate questo anno.

Massimo

Risposta: 

La suscettibilita’ varietale alla mosca è argomento di grande interesse, ma sul quale non si hanno certezze tali da poter generalizzare. Da studi sperimentali è noto che frutti grandi (e quindi varietà’ dal frutto grosso) sono più’ suscettibili alla mosca di altri piccoli. Allo stesso tempo è stata trovata una correlazione inversa tra il contenuto di oleuropeina nelle olive e la suscettibilità’ alla mosca, ma questi studi risalgono a diversi anni fa e non hanno avuto una conferma generalizzata. ci si basa quindi su osservazioni empiriche in campo, che sono degli indizi ma non costituiscono evidenza scientifica.
Per quanto riguarda la sua osservazione sulla minore suscettibilità di olive da innesti in pianta non ho alcuna informazione al riguardo, ma può’ essere un’ipotesi di lavoro interessante. In ogni caso consideri che la variabilità’ dei fenomeni dovuti all’andamento climatico di anno in anno obbliga a verificare le osservazioni su più annate.
Spero di esserle stato utile.

Riccardo Gucci

Pseudomonas Siringae sul Mango: come comportarsi?

Domanda: Da circa 4 anni ho messo a dimora 60 piante di mango cultivar Kent, ma purtroppo devo combattere contro l’infezione da Pseudomonas Siringae, con scarsi risultati. Sento parlare di lotta con batteriofagi, mi potete dare delle indicazioni e/o a chi rivolgermi?

Francesco Briguglio

Risposta: 

Immagino ci si voglia riferire alla necrosi apicale del mango, malattia diffusa in zone tropicali e subtropicali e segnalata da noi in Sicilia.
È una malattia batterica; dunque una malattia molto difficile da combattere. Se poi la malattia è ricorrente, come segnala l’imprenditore agricolo, vuol dire che il batterio ha ormai stabilito una fase residente sulla superficie delle piante. Con altre parole il batterio vive sulla pianta e infetta non appena si verificano condizioni favorevoli.
In tempi recenti sono stati saggiati diversi prodotti alternativi:
fosetyl-Al, acido gibberellico, acibenzolar-S-methyl, gel di silicone (un prodotto solubile al 34% di silicato di potassio). Alla fine nessun trattamento si è rivelato migliore della Poltiglia bordolese. Suggerirei dunque trattamenti sulla pianta (anche 2 o 3) con rame per eliminare il batterio residente e per proteggere la pianta da nuove infezioni.
Lascerei perdere i batteriofagi.

Prof. Giuseppe Surico

 

Rogna dell’olivo: come contrastarla?

Domanda: Come posso contrastare la rogna dell’olivo? E’ efficace l’estratto di Henne ?

 

Risposta: 

Purtroppo le possibilità di lotta contro la rogna e il suo agente causale, il batterio Pseudomonas savastanoi, non sono molte. Sarebbero efficaci gli antibiotici ma da quasi 50 anni ne è vietato l’uso in agricoltura. L’unico altro anticrittogamico che funziona come antibatterico (dunque come una sorta di antibiotico) è il rame. Un’altra considerazione da farsi è che il batterio della rogna vive sulla stessa pianta che infetta (sulla superficie fogliare in particolare e nelle anfrattuosità della corteccia).

Ciò considerato i consigli di lotta sono i seguenti:
1. Drastiche potature per liberare la pianta dai rami “rognosi”;
2. Disinfezione delle ferite di taglio con rame;
3. Trattamenti ripetuti alla chioma (almeno tre nell’anno) con ossicloruro di rame alla concentrazione più bassa fra quelle consigliate in etichetta (anche allo scopo di eliminare l’inoculo che vive sulla pianta).

Giuseppe Surico – Unifi

Zone cuscinetto Xylella: come comportarsi?

Domanda: Per tutti coloro che sono proprietari di terreni nella zona cuscinetto:

  • 1. per un nuovo impianto, è possibile utilizzare qualsiasi cultivar oppure solo FS17 e Leccino?
  • 2. è possibile procedere al trapianto di alberi da una particella ad un’altra sempre all’interno della zona cuscinetto?
  • 3. che tipo di obblighi/raccomandazioni ci sono?

Ho guardato la Dec. UE2015/789 e la sua modifica 2017/2352 del 14.12.2017 ma non sono riuscito a trovare risposte ai quesiti sopra.

Pierluigi Spedicati

Risposta:

1) Nelle zone delimitate come “cuscinetto” non è vietato impiantare piante ospiti di xylella fastidiosa CODIRO in quanto trattasi di zona comunque indenne, ad eccezione dei focolai puntiformi cosi come definito dalla DDS 109 del 19/3/2018. Pertanto è possibile utilizzare qualsiasi cultivar di olivo, purché proveniente da vivai della stessa zona cuscinetto o da zone non delimitate. Le piante devono essere accompagnate dal passaporto CE. Per conoscere lo status di una particella catastale in merito alle delimitazioni per xylella è sufficiente aprire il portale emergenzaxylella dal sito http://www.emergenzaxylella.it e in basso a sinistra cliccare su “ricerca particella catastale”.

Continua a leggere

Contenimento rogna dell’olivo

Domanda:Vorrei sapere come contenere la rogna dell’olivo. Ho circa 800 piante e la maggior parte presentano questa malattia che causa in alcune zone il disseccamento e la caduta di foglie oltre a non produrre frutti. È sconsigliato trinciare le potature? Consigliate di bruciarle?

Risposta:

La Rogna dell’olivo
E’ una malattia piuttosto frequente che colpisce tutti gli organi della pianta. I sintomi, che si presentano con maggiore frequenza sono su rametti e rami, e si manifestano come piccoli tumori globosi che col passare del tempo si ingrossano fino ad alcuni centimetri e si screpolano sulla superficie. Gli stessi sintomi occasionalmente possono essere presenti anche sulle foglie. L’alterazione è causata dal batterio “ Pseudomonas siringae pv. savastanoi (E.F. Smith)” che sfrutta, per introdursi nella pianta, via di accesso quali: ferite causate da eventi meteorici, da insetti e dall’uomo con le operazioni colturali(potature,raccolta ecc)

Continua a leggere

Quando è il momento di iniziare i trattamenti contro la mosca delle olive?

DOMANDA: Quando è il momento di iniziare i trattamenti contro la mosca delle olive?

RISPOSTA: Non esiste un momento specifico. Per decidere quando trattare è necessario fare il monitoraggio con le trappole cromotropiche o a feromone e, soprattutto, il campionamento sulle olive. Il campionamento deve essere effettuato una volta a settimana a partire dall’indurimento del nocciolo e consiste nella raccolta casuale di 100 olive. Solo quando l’infestazione supera il 15% si deve intervenire con il trattamento.

Quando inizia l’attacco della mosca delle olive?

DOMANDA: Quando inizia l’attacco della mosca delle olive?

RISPOSTA: L’attacco inizia in primavera, appena la temperatura si alza l’adulto sfarfalla. Per diminuire l’intensità di questo attacco è consigliato non lasciare olive sulle piante e sul terreno dove le mosche possono svernare.