Laghetti collinari: esistono finanziamenti?

Domanda: Buongiorno, ho letto solo adesso l’articolo su l’Informatore Agrario della importantissima riunione sul tema dei bacini collinari.
Più volte ho chiesto la possibilità alle autorità di avere la possibilità di scavare il materiale accumulato in quasi 45 anni di servizio del nostro piccolo lago consortile. Sono a conoscenza che solo il Consorzio di Bonifica è riuscito in tale scopo con i laghi di Vignale Riotorto, è possibile avere qualche informazione in più per essere “miracolato” in
tale senso?
Il 2017 è stato l’anno più siccitoso a memoria d’uomo, siamo rimasti più volte a secco con i pozzi a servizio dell’agriturismo e dell’allevamento e fortuna ha voluto che non ci siano stati piromani al lavoro.
Sarei molto contento se dopo le vostre esposizioni fosse possibile avere un resoconto e cercare di accedere a qualche finanziamento per una fonte vitale come l’acqua.
Grazie

Luigi Terrosi Vagnoli

Risposta:

Il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 prevede l’operazione 4.1.4 “Gestione della risorsa idrica per scopi irrigui da parte delle aziende agricole”, che fornisce un supporto al 40 % agli investimenti aziendali (interventi di nuova realizzazione o di miglioramento) sostenuti dagli Imprenditori Agricoli Professionali (IAP) per rendere più efficiente l’uso dell’acqua in agricoltura, attraverso interventi che riguardano le opere per l’accumulo e la distribuzione di acque per l’irrigazione.
Non sono ammessi a finanziamento gli interventi finalizzati alla manutenzione ordinaria, ma sono finanziabili tutti gli interventi funzionali al miglioramento dell’efficienza.

È cosa nota che la Regione Toscana ha ormai avviato da tempo una indagine conoscitiva sui laghetti collinari con l’ottica di predisporre alcune linee di finanziamento sul PSR per i laghetti collinari che tuttavia dovranno preventivamente essere approvati in sede comunitaria. La misura non è stata ancora attivata per la necessità di attuare preventivamente una serie di adempimenti previsti dall’Unione Europea in materia di gestione delle acque. Presumibilmente la sua attivazione tramite bando dovrebbe avvenire entro la fine dell’anno

Si consiglia periodicamente di consultare il sito della Regione Toscana alla pagina http://www.regione.toscana.it/psr-2014-2020/bandi

Si precisa inoltre che l’attività di ricognizione sui laghetti collinari affidata dalla Regione Toscana al Lamma non risulta propriamente funzionale all’attivazione della misura del PSR di supporto agli interventi aziendali del PSR di cui sopra, quanto piuttosto alla misura relativa agli interventi consortili (operazione 4.3.1. “Sostegno agli investimenti agricoli in infrastrutture per migliorare la gestione della risorsa idrica”): gli esiti dell’indagine dovrebbero infatti fornire un quadro aggiornato sulla dislocazione degli invasi, di cui tener conto nella programmazione di nuovi investimenti in infrastrutture idriche a livello territoriale.

Dott.sa Nuvoli Stefania / Dott. Vergari Daniele